“Tutto è più chiaro che qui” in Lombardia, l’Ohio d’Italia.

Questa canzone di Francesco De Gregori ha 20 anni.

Era il 1992. Una vita fa. Un’Italia fa, quella di Craxi e Andreotti. Di Falcone e Borsellino.

Poi arrivò Mani Pulite, la Lega Nord,  poi Silvio Berlusconi, poi ancora il buio.

Per chi vive in Lombardia, crede nella scuola pubblica, nell’integrazione tra i popoli, nella solidarietà, nell’onestà ha visto il buio avanzare, piano piano.

Abbiamo sperato, noi gente di sinistra mentre lavoramo alle Feste dell’Unità, di sostenere l’idea, la speranza di un Paese nuovo. Eravamo una minoranza, qui nelle lande di brughiera e minoranza siamo rimasti.

La speranza del cambiamento ci ha illuso sempre,  dalla Quercia, all’Ulivo, ed alla fine  non è arrivata mai.

Dalla caduta del Governo Prodi, ai bombardamenti del Governo D’Alema, fino alla tragedia di Genova nel 2001 che ha annichilito quel movimento di cambiamento in atto in tutto il mondo, ben prima degli Occupy.

In quella Genova dove Berlusconi aveva fatto togliere le mutande e appendere limoni.

Dove il movimento ne uscì a bastonate, con una ferita ancora aperta per un paio di generazioni, compresa la mia e dove già allora la dirigenza dei Democratici di Sinistra non aveva capito niente.

Occupy che, non ha caso come qualcuno ha scritto in questi giorni, noi non abbiamo avuto.

Perchè da noi il dissenso ai partiti, all’inciucio, alla corruzione è drenato prima nella Lega e poi tutto nel Movimento a Cinque Stelle?

Non lo so.

Vedo tanti giovani PD e Sel impegnarsi per cambiare il vecchio nei partiti, ma come il voto di questi giorni ha dimostrato, la maggior parte della gioventù ha scelto di votare e sostenere Beppe Grillo.

Di azzerare tutto, di annichilire la politica mestierante, quella del mangia mangia e della corruzione, quella della nutella e dei bordelli, delle banche e delle SPA. Come  dargli torto, come non capirli.

Peccato, però che in mezzo ci siano state delle persone, dei progetti, dei programmi validi.  C’era e c’è, bisogno di bellezza.

Nonostante l’impegno del PD anche per perdere in Lombardia, ne avevo scritto qui e qui, ce l’avevamo quasi fatta.

Ma c’è chi, comprensibilmente dal suo punto di vista, dal suo non dal mio, ha deciso di buttare a mare il bambino con l’acqua sporca.

Ecco il bambino. Quel rigurgito di rinascita civile di cui fanno tanto fieri gli amici del Movimento 5 Stelle (perchè quelli che conosco li posso chiamare amici, perchè abbiamo fatto battaglie comuni e condiviso tante scelte, diversamente dai troll di twitter)  non era solo primato loro.

Qualcuno qui ci stava provando, a modo suo certo, come Umberto Ambrosoli, Andrea Di Stefano, Giulio Cavalli e via via nei territori come Jimmy  Pasin, Michela Barzi e tutti i volontari che hanno lavorato alle primarie e nella campagna elettorale.

Tutto questo in soli due mesi visto che, ricordiamo le dimissioni del celeste Formigoni sono arrivate a fine ottobre.

Qualcuno ha provato a ripensare una Lombardia che uscisse dal cemento e dalle grandi, inutili grandi opere finanziate da e per le banche. Una Lombardia sostenibile, onesta, pulita.

Ho  ascoltato la candidata del Movimento Cinque Stelle, Silvana  Carcano. Lo posso dire? Non mi ha convinto e in ogni caso, sono vecchia, troppo vecchia, ormai, per non pensare che dopo percentuali bulgare del PDL dal 50%  al 60% il movimento grillino non ce l’avrebbe fatta mai, almeno qui in Lombardia.

Ho scelto di votare e sostenere chi ho visto e apprezzato per la sua serietà, intervenire su questioni come legalità, ambiente, lavoro, cultura (sì,  ho detto  cultura) che da altre parti non mi sono arrivate. E che avrebbe potuto seriamente vincere, per tutti i cittadini di questa martoriata regione.

E per un attimo ho sperato. Anche perchè questa volta un presidente di Lombardia come Umberto Ambrosoli ce lo meritavamo.

Per riavere la scuola pubblica ad esempio, visto che quel buono scuola vantato da Formigoni, è andato a sostegno di una minoranza di bambini lombardi e non erano i più poveri.

Per liberarci da mafia e n’drangheta, per il lavoro di tutti , dai precari ai piccoli imprenditori.

Per la sanità pubblica che è stata ridotta ai minimi termini a discapito di quella privata.

Perchè nella provincia in cui vivo il tasso di disoccupazione è il più alto della Lombardia.

E qui, da vent’anni e più governano PDL e Lega.

Perchè a discapito della nostra salute si è inquinato terra, acqua e cielo. E potrei continuare all’infinito.

Ma davanti a questo scempio tra ieri e oggi vedo solo  lotte fraticide, fazioni, impossibilità al dialogo.

Non è così che salviamo l’Italia e le nostre regioni che con la riforma del titolo V hanno in gestione autonoma le risorse pubbliche ( ben oltre il 75% già oggi checchè ne dica Maroni).

Ed ecco che mi ritornano in mente le parole di Francesco De Gregori di vent’anni fa

“Io da qui vedo il cielo inchiodato alla terra,
e la terra attraversata da gente di malaffare,
e vedo i ladri vantarsi e gli innocenti tremare,
vedo i ladri vantarsi e gli innocenti tremare

Ma tu, dimmi che cosa vedi adesso tu?
Che adesso quasi non ci vedi più.
Dimmi che cosa vedi tu da lì.
Dimmi che è tutto più chiaro che qui,
tutto più chiaro che qui”

              (Francesco De Gregori, Tutto più chiaro che qui)

Nonostante la corruzione, il sopruso, gli inciuci,  82 consiglieri regionali inquisiti su 90,  non ce l’abbiamo fatta a rialzare la testa.

Colpa della sinistra, colpa dei grillini che non hanno fatto voto disgiunto, colpa del PD, colpa della neve, colpa di CL e Berlusconi.

Intanto l’Ohio d’Italia è andata al tracollo, portandosi dietro tutto il resto.

Ora, di sicuro tutto è più chiaro che qui, in Lombardia.

Comments

  1. Rosy, la cosa positiva è che c’è tant lavoro d fare! E ci tocca impegnarsi di più di quanto abbiamo fatto finora (lo dico a me per primo).

    • Grazie Giulio, hai ragione, Non abbiamo altre alternative, il lavoro non ci manca. Ma quanta amarezza. Certo è che verrò a Roma più spesso!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: