#Noviolenza sulle donne: tutti a scuola di pari opportunità e pubblicità “women friendly” #bloggingday

aied_noviolenza_batblogCorsi per ragazzie e ragazzi per l’educazione alle pari oppurtunità, workshop per l’educazione alla sessualità responsabile allargati alle famiglie, alle associazioni, ( e sarebbe ora anche alle parrocchie) ;  campagne pubblicitarie “Women friendly” sui media, dalla TV, al Web, alla carta stampata. Non sono cose nuove, molte ci sono già. Ma sono tutte attività che andrebbero sostenute con convinzione.

Grazie quindi al Blogging Day lanciato da AIED, l’Associazione Italiana per l’Educazione Demografica, in prima linea su questi temi, in netta controtendenza rispetto ad un’opinione pubblica che, da una parte ha sdoganato l’abuso e la svendita del corpo femminile dai salotti televisivi alla politica,  e dall’altra piange il feminicidio che uccide, in Italia, una donna ogni due giorni.

Ragionamenti lontanissimi? No, penso che dove ci sia rispetto, cultura e conoscenza per chi è diverso da noi per sesso, religione, preferenze sessuali, nazionalità, non ci possa essere violenza. Semplicemente.

E constato, altrettanto semplicemente, nel mio quotidiano, che,  mentre ci si accapiglia i temi etici, certo “importantissimi” (fine vita, embrioni, aborto e pillole del giorno dopo),  si è creato un vuoto spaventoso nel processo di prevenzione, educazione, responsabilità verso le nuove generazioni.

Da donna e da mamma di un figlio maschio penso che proprio da un’attenzione al rispetto dell’altro, si possa dare la possibilità a ragazze e ragazzi di crescere nella reciprocità, nella condivisione delle proprie diversità.

Nella certezza che non si debba ricorrere alla violenza per imporre il proprio pensiero, che non si debba ricorre allo stalking, per risolvere un conflitto, un abbandono.

Ma quello che possiamo fare noi genitori, se lo vogliamo, non basta. La crisi economica si sta riflettendo anche su un malessere generale delle famiglie. Penso ai quasi due milioni di bambini poveri nel nostro paese. Penso all’aumento della prostituzione tra studentesse e studenti. Penso alla tratta di giovani migranti, alla violenza tra le mura domestiche.

Da giornalista e donna di comunicazione che vive il sociale penso che sia necessario anche e soprettuto per chi lavori in questo mondo, farsi qualche domanda e porre una maggiore attenzione a come la donna, nel 2012, sia ancora eternamente rappresentata nei nostri media e nelle campagne pubblicitarie  in giro per le città.

Nnon riusciamo a progettare modalità nuove di comunicazione? Non riusciamo che a rappresentare l’universo femminile come stereotipo succube, passivo, nudo? Non riusciamo a sognare  un mondo “women friendly”  e modalità nuovi per vivere il rapporto tra donne e uomini?

Proviamoci, se non per noi almeno per loro che ci stanno guardando.

Comments

  1. Grazie Rosy, grazie BATBLOG, per aver dedicato spazio alla nostra iniziativa “No Violenza – Contro lo stalking, il femminicidio ed ogni altra forma di violenza sulle donne”.

    Chiediamo a tutti di partecipare e di spingere forte il messaggio in rete, pubblicare l’iniziativa sui propri spazi (Facebook, Twitter, blog, siti) dedicando attenzione e stimolando la discussione su proposte mirate a contrastare un fenomeno che interessa tutti da vicino.

    Al link http://www.aied.it/noviolenza-contributi-concreti/ potete leggere i contributi concreti raccolti finora, facciamo in modo che aumentino e che da queste 2 settimane vengano fuori idee realizzabili che possano davvero determinare un cambiamento.

    Qui abbiamo pubblicato anche il tuo.

    Corsi per ragazze e ragazzi per l’educazione alle pari oppurtunità, workshop per l’educazione alla sessualità responsabile, campagne pubblicitarie “Women friendly”, rispetto, cultura e conoscenza per chi è diverso da noi, sono tutte chiavi che condividiamo pienamente.

    Grazie!

    AIED

    • Grazie a voi e al vostro impegno. Le iniziative di condivisione in rete sono molto importanti e meno effimere di quanto si pensi comunemente.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: