Un arrivederci necessario. Buona estate da @bat_blog

lavori in corsoNo, non è un congedo, questo, solo un arrivederci necessario.

Intanto grazie. Grazie a tutti voi che in questi anni, mesi, giorni avete seguito Batblog, lo avete letto e siete passati di qui . Grazie per aver  lottato insieme a me in questo piccolo angolo della blogosfera, che un po’ si è distinto  per aver sostenuto campagne, valori, diritti. Sociali, culturali, di genere. Anche attraverso Facebook ma, anche e soprattutto attraverso Twitter.

Con il mio lavoro in rete ho cercato di tracciare delle vie di uscita, in questo momento di forte depressione, di incertezza, di delusione. Ho scritto e ho cercato di guardami intorno, di tessere relazioni , di selezionare buona informazione e ho cercato di capire. Insomma ci ho provato, ho cercato di tenere fede a quel “pensieri per resistere e idee per vivere meglio”.

Non so se ce l’ho fatta, ma voglio che sappiate quanto ho apprezzato  il vostro sostegno, il vostro affetto, la vostra condivisione. Ma anche la complicità e l’intesa, come i tanti sorrisi che siete riusciti a strapparmi in molte giornate precarie sempre uguali.

Vi sono grata ma, come l’anno scorso di questi tempi, ho bisogno di “staccare la spina”. Devo dire oggi più che in passato. Sarà l’invecchiamento precoce, sarà che l’iper-connessione ha lasciato il segno.  Sarà che sono stanca fisicamente e mentalmente e mi sembra davanti al pc, di avere sempre troppe cose da fare. E nel doverlo fare con sempre maggiore responsabilità ed attenzione, di ritrovarmi in un vortice infinito, dove non riesco a schiacciare il tasto off.

Proprio per questo, non voglio dimenticare a me stessa,  come donna, madre, persona, che fuori di qui c’è un mondo. Magari meno accondiscendente, meno solidale con le mie battaglie a tutela di diritti, valori e principi sacrosanti ingoiati da spread, precarietà, soprusi. Ma un mondo che ha bisogno che io ci sia.

C’è un articolo che mi ha fatto riflettere molto, e in cui molti di noi penso si ritroveranno. Si intitola “Anxiety: The ‘Busy’ Trap”  di Tim Kreider, http://nyti.ms/LHhR8W.  Su Internazionale trovate la sua bella traduzione sotto il titolo “Ho da fare”. Vi consiglio di leggerlo. Io mi sono imposta di rifarlo spesso.

Non so se, da iperattiva quale sono, riuscirò a trasformarmi in una “ambiziosa pigra”, ma concordo su una cosa con Kreider. “La vita è troppo breve per darsi davvero da fare”.

Forse, devo farmene una ragione. Intanto per non sbagliare stacco per un po’ e vi auguro dal mondo là fuori, buona estate.

Trackback

  1. [...] Hanno ragione i “colleghi” di Generazione Perduta, di cui apprezzo e condivido il manifesto. [...]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La Community di Batblog

Blog che seguo

Un altro orizzonte

Il Blog di Giovanni Scrofani

PressWeb

Communication on the Web

Stop Now Brindisi

Fermiamo l'emergenza ambientale e sanitaria

cristinaliguori

"Siamo solo noi, generazione di sconvolti che non ha più santi ne eroi"

taranto7aprile

A noi tutti spetta prenderci una giusta e civile rivincita contro la malapolitica e gli inquinatori, perche’ Taranto sia libera, finalmente libera

Barbara Collevecchio

Psicoanalisi & politica

Indagine epidemiologica dal basso

Informiamoci, partecipiamo e tuteliamo la nostra salute

Io e Marta

Con occhi di bambola

Ema Would Go

opinioni non richieste per autostoppisti digitali

BatBlog

pensieri per resistere, idee per vivere. meglio.

paidContent

The economics of digital content

PhilosoBia

It's only about me

Giornalisti Sociali

Rete dei giornalisti precari e freelance per la libertà di stampa e l'equo compenso

giramenti

nati per rompere

SARDINIA OPEN DATA

"OK, we have to ask for raw data now”

Passeggino Rosso

Conoscere insieme per combattere uniti

naumachie

"io un eterno io"

Coopuf

Un vitale spazio verticale interconnesso, che ospita Filmstudio’90, Twiggy, Le Cantine, Cortisonici e molto altro

aury14

"Non aver mai paura di uno scontro. Anche quando i pianeti collidono, dal caos nasce una stella." (Charlie Chaplin)

questionedilibri

Il tempo per leggere, come il tempo per amare, dilata il tempo per vivere (Daniel Pennac)

Olfo Tazzina blog

L'insostenibile leggerezza del lesso

Digital_Caos

un blog incasinato

Lpb LaboratorioPoliticaBologna

E' lo spazio per chi ha passione politica e spera che l'impegno civile serva a qualcosa. A cura dei giornalisti Antonella Cardone e Filippo Manvuller.

Diario di un cronista

il blog di Giuseppe Manzo

limfablog

elt webtools iwb mlearning virtualworlds edu resources and training

Un blog di M

Cose sporche che sporche non lo sono più

L'isolachec'è (o di pensieri alogeni e spiaccicate virtù)

*E' gemma di sale appartenere - e le alte cose - necessarie alla soglia del mutare - sapere d'acqua e memoria"

i discutibili

perpetual beta

Mondi Possibili

Comunicazione, politica, sguardi. Un blog di Carolina Lucchesini

LEGAMJONICI contro l'inquinamento

Per una Taranto libera e non solo...

Mr.Pink Pulp Band

Pulp to the Pulp!

Switch In a Tortona

Questo locale è anche Tuo ! Utilizza il nostro servizio.

ilpicchioparlante

un popolo ignorante è più facile da governare

Oro del deserto tour

Marocco inedito sulle piste dei nomadi

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

Digital Life

il blog di mattial

Campagna Nazionale in difesa del latte materno

Non affidare alla sorte il futuro di tuo figlio

Blog Paralleli

Enzo Baldoni: una storia ancora da raccontare

LA TORRE DI BABELE

Questo spazio web è, insieme, un progetto e un luogo fisico. Il progetto è quello di ospitare tutte le lingue del mondo, tutte le idee, dare voce a chiunque, così da arrivare per paradosso a una parola “unica”. Il luogo fisico è la torre vera, così come l’ho conosciuta a Samarra, in Iraq. Lì la chiamano “malwiya”, la spirale, splendida metafora dov’è faticosissimo arrampicarsi in vetta. Dunque, mi sembrava che potesse rappresentare il senso di questo blog, che è un po’ anche un sito. Un diario in continuo movimento dove anche le verità spesso si sovrappongono, si sostituiscono, si smentiscono, si alterano. Sono sempre in molti a parlare, spesso lingue diverse. La mia grande speranza, che voglio condividere, è che alla fine si arrivi finalmente a una lingua universale. Cioè a capirsi. [PINO SCACCIA]

senzamegafono

giornalismo, nuovi giornalismi e cultura digitale

Risveglio Sinaptico

Una piattaforma di idee libere

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 5.574 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: