Pianura e operai

La pianura non ha più certezze,

ma noi non abbiamo memoria del nostro passato?

Dobbiamo ripensare al nostro tutto.

Al nostro essere capocchi di spilli sulle spalle del mondo.

Al nostro vivere lungo poco più di un soffio per la terra matrigna.

Al nostro essere operai  di niente.

Domani le liti sulle responsabilità per quelle morti dure, per un tozzo di pane.

Oggi gli occhi secchi di lacrime di chi vede tutto e osserva un paese morente.

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 6.832 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: